NEWS
feed rss

31 dicembre 2010

Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

“Occorre coraggio politico e sociale, per liberarci di vecchie e nuove rendite di posizione”

E' stato soprattutto incentrato sui giovani e sui loro problemi il discorso di fine anno del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

"Senza nuove possibilità di occupazione e di vita dignitosa per i giovani, senza nuove opportunità di affermazione sociale, la partita del futuro è persa non solo per loro, ma per tutti, per l'Italia: ed è in scacco la democrazia", ha detto Napolitano.

Reggere la competizione in Europa e nel mondo, accrescere la competitività del sistema-paese, comporta per l'Italia il superamento di molti ritardi, di evidenti fragilità, comporta lo scioglimento di molti nodi, riconducibili a riforme finora mancate. E richiede coraggio politico e sociale, per liberarci di vecchie e nuove rendite di posizione, così come per riconoscere e affrontare il fenomeno di disuguaglianze e acuti disagi sociali che hanno sempre più accompagnato la bassa crescita economica almeno nell'ultimo decennio.

Ed ancora - "Disuguaglianze nella distribuzione del reddito e della ricchezza. Impoverimento di ceti operai e di ceti medi, specie nelle famiglie con più figli e un solo reddito. E ripresa della disoccupazione, sotto l'urto della crisi globale scoppiata nel 2008.
Gli ultimi dati ci dicono che le persone in cerca di occupazione sono tornate a superare i due milioni, di cui quasi uno nel Mezzogiorno ; e che il tasso di disoccupazione nella fascia di età tra i 15 anni e i 24 - ecco di nuovo il discorso sui giovani, nel suo aspetto più drammatico - ha raggiunto il 24,7 per cento nel paese, il 35,2 nel Mezzogiorno e ancor più tra le giovani donne. Sono dati che debbono diventare l'assillo comune della Nazione. 

Sentire l'Italia, volerla più unita e migliore, significa anche questo, sentire come proprio il travaglio di ogni sua parte, così come il travaglio di ogni sua generazione, dalle più anziane alle più giovani. A tutti, dunque, agli italiani e agli stranieri che sono tra noi condividendo doveri e speranze, il mio augurio affettuoso, il mio caloroso buon 2011.

il testo completo del discorso del Presidente della Repubblica


--> TORNA ALL'ELENCO COMPLETO

sostieni il MNLF
iscriviti alla newsletter
contributovolontarioMNLF.jpg
Twittermnlf3.jpg
LineeguidaparafarmacieLogo.jpg
Confederazioneanim.gif
Seguicisufacebooklogo.jpg
ccnlFARMACISTI.jpg
Farmacianonconvenzionata2.jpg