NEWS
feed rss

05 settembre 2011

Manovra: Lirosi (PD) su liberalizzazioni solo passi indietro

Quello che rimane Ŕ pi¨ fumo che arrosto

“Tra sabato e domenica al Senato, tutti gli emendamenti presentati dal PD su farmaci, carburanti, professioni, banche, assicurazioni ed energia sono stati tutti votati e respinti dalla maggioranza di Governo. E le modifiche approvate hanno ulteriormente depotenziato le generiche norme sulle liberalizzazioni presenti nel decreto-legge. 

In definitiva quello che rimane nella manovra è più fumo che arrosto in quanto sulla riforma delle professioni tutto è rimesso alla volontà degli Ordini professionali che avranno un anno di tempo per modificare statuti e codici deontologici. Sulle restrizioni alle attività economiche, la loro abrogazione sarà subordinata all'adozione fra 4 mesi dei decreti attuativi, con il quale si metterà in moto un'inutile iperproduzione normativa, per precisare quali saranno le norme da abrogare e quelle che si salveranno (come quelle per farmacie e taxi con gli emendamenti approvati ieri), e poi tutto resterà come prima.

Si ha l'impressione in sostanza che le norme sulle liberalizzazioni, inserite dal Governo senza troppa convinzione e solo per accontentare l'Europa, siano volutamente indistinte e generiche perché colpendo tutti poi alla fine non si colpirà nessuno. E lo si nota dal fatto che nessuna categoria o corporazione protesta. Insomma, per vedere vere e incisive liberalizzazioni, come quelle auspicate oggi dal governatore Draghi per favorire la crescita, si dovrà aspettare il momento in cui - speriamo molto presto - alla guida del Paese ci sarà un governo autorevole, adeguato alle sfide e dotato di un'ampio consenso parlamentare”.    
 

--> TORNA ALL'ELENCO COMPLETO

sostieni il MNLF
iscriviti alla newsletter
Twittermnlf2.jpg
Farmacianonconvenzionata2.jpg
contributovolontarioMNLF.jpg
Seguicisufacebooklogo.jpg
LineeguidaparafarmacieLogo.jpg
Confederazioneanim.gif